La tragica fine della R. Corazzata Roma. Nell'inedito manoscritto di un ufficiale superstite (Opere varie) por Riccardo Mattòli

La tragica fine della R. Corazzata Roma. Nell'inedito manoscritto di un ufficiale superstite (Opere varie) por Riccardo Mattòli

Titulo del libro : La tragica fine della R. Corazzata Roma. Nell'inedito manoscritto di un ufficiale superstite (Opere varie)
Autor : Riccardo Mattòli

Descargue o lea el libro de La tragica fine della R. Corazzata Roma. Nell'inedito manoscritto di un ufficiale superstite (Opere varie) de Riccardo Mattòli en formato PDF y EPUB. Aquí puedes descargar cualquier libro en formato PDF o Epub gratis. Use el botón disponible en esta página para descargar o leer libros en línea.

Riccardo Mattòli con La tragica fine della R. Corazzata Roma. Nell'inedito manoscritto di un ufficiale superstite (Opere varie)

Reseña del editor Il 9 settembre 1943, all'indomani dell'armistizio, affondò la Regia Corazzata Roma, nave ammiraglia della flotta italiana durante la II guerra mondiale. In questo libro è pubblicato per la prima volta l'inedito diario del ventitreenne Sottotenente di Vascello Franco Mattòli, uno dei pochi superstiti a rimanere incolume dopo il bombardamento compiuto dagli aerei tedeschi. Viene narrata, con dovizie di particolari, l'atmosfera e lo spirito che aleggiava a bordo della nave poco prima della partenza per l'ultima missione, i dettagli dell'infausta navigazione, la drammatica descrizione degli effetti causati dalle bombe alla nave ed al suo equipaggio; il salvataggio dei naufraghi ad opera del cacciatorpediniere Mitragliere e dell'incrociatore Attilio Regolo, trovando poi riparo a Port Mahón, presso le Isole Baleari. Gli avvenimenti furono scritti durante il periodo iniziale dell'internamento, dal 26 settembre al 30 ottobre 1943, ad appena diciassette giorni dall'affondamento. Una testimonianza lucida e priva dei possibili condizionamenti dovuti agli eventi bellici nonché quelli politico-istituzionali che si succedettero in Italia nei giorni, mesi ed anni successivi all'otto settembre 1943. Se la provvidenza salvò Franco Mattòli dalla morte e da sofferenze fisiche, l'intera vicenda gli creò una profonda ferita nell'animo e nello spirito, che neanche lo scorrere del tempo fu capace di lenire. Si limitò all'essenziale quando fu interpellato dalle autorità per rendere la propria testimonianza...